Il Miele della Sardegna

Views: 127

Il Miele sardo, proprietà nutrizionali e terapeutiche.

La Sardegna essendo caratterizzata da un clima mite e dall’abbondante e variegata presenza di specie vegetali nettarifere, rappresenta un ambiente ideale per la vita delle api. Tanto da essere considerata la regione italiana con più forte predisposizione alla produzione di miele pregiato e di elevata qualità.

Le specie floreali ed endemiche, alcune presenti solo nell’isola, conferiscono al miele sardo profumi, sapori e componenti nutritivi unici.

Il Miele in Sardegna

Le prime raccolte di Miele in Sardegna avvenivano dai favi selvatici creati dalle api nelle cavità naturali.
In seguito, considerato il crescente consumo e il valore che il miele andava assumendo, si passò ad una produzione più controllata con l’introduzione del bugno in sughero, una forma arcaica di alveare.

A partire dalla seconda metà dell’800, prevalentemente a causa delle frequenti patologie ed alla sempre crescente domanda, si passò alle odierne arnie a telaini mobili che consentono all’apicoltore di intervenire sull’alveare senza distruggerlo.

Il consumo del Miele in Sardegna è molto diffuso poiché, oltre a far parte da sempre delle abitudini alimentari dei sardi, viene spesso impiegato nella preparazione delle numerose specialità dolciarie della tradizione isolana. Come il torrone, le seadas, le caschettas, le copulettas, le tiliccas, ecc..

Miele della Sardegna

Le Proprietà nutrizionali del Miele

Il Miele ha una elevata digeribilità in quanto è composto principalmente da zuccheri semplici, inoltre il glucosio entra direttamente in circolo e viene utilizzato immediatamente dal nostro organismo. Mentre, il fruttosio ha la funzione di riserva energetica poiché deve essere prima trasformato in glucosio.

Il Miele è particolarmente indicato per chi pratica sport ad alti livelli, in quanto consente un recupero immediato delle energie consumate. Tuttavia è consigliato anche per chi non svolge attività fisiche impegnative, in quanto aiuta l’efficienza mentale e il sistema nervoso.

Per questi motivi il Miele è indicato nelle diete degli sportivi, degli anziani e dei bambini.

Il suo elevato potere dolcificante, pur mantenendo un potere energetico nettamente inferiore allo zucchero raffinato, consente un risparmio calorico a livello dietetico. Per 100 g di miele si hanno 300 calorie, contro le 400 di un’analoga quantità di zucchero.

Le Proprietà terapeutiche del Miele

Nel Miele sono presenti una discreta quantità di oligoelementi, vitamine, enzimi, sostanze battericide e antibiotiche che oltre a renderlo un disinfettante naturale permettono una lunga conservazione del prodotto.

L’utilizzo del Miele nella medicina naturale risale alle origini dell’uomo.
Sono note le sue proprietà antinfiammatorie, sopratutto delle vie respiratorie e come lenitivo della tosse, dell’eccitazione nervosa e contro l’insonnia.

E’ un ottimo disintossicante del fegato, il suo consumo regola le funzioni intestinali, favorisce il recupero fisico e fortifica i muscoli.

Le Varietà di Miele Sardo

In base alle specie vegetali prevalenti, i mieli si possono suddividere in monoflora o poliflora.
A seconda della fiorita origine del nettare il miele si caratterizza per consistenza, colore, sapore e proprietà organolettiche.

Tra le varietà più diffuse, oltre al millefiori, troviamo il miele di agrumi, asfodelo, corbezzolo, eucalipto, inula viscosa, mirto, sulla, ecc.

Miele della Sardegna

 

Condividi