Su Tragacorgios, il messaggero della morte

Views: 151

Su Tragacorgios, il messaggero della morte.

Tra gli esseri fantastici della tradizione popolare sarda Su Tragacorgios fa parte di quelli più temuti. Viene descritto come una figura senza un aspetto ben definito, abnorme ed indistinta, che vagava per i viottoli bui dei paesi, annunciando lutti e disgrazie.

Si muoveva trascinandosi appresso delle pelli di toro rinsecchite, con la testa e le corna ancora attaccate. Da qui il nome, composto dalle parole: traga (trascina) e corgios (pelli, cuoi).
Con la sua andatura lenta faceva sfregare e sbattere, sul selciato sui muri delle case, il macabro strascico, accompagnato da muggiti spaventosi.

La leggenda di Su Tragacorgios

Su Tragacorgios era colui che portava la morte. Si dice sia un’anima malvagia non accettata in cielo e neppure in purgatorio, che vaga per le strade in cerca di pace e di un’anima da portare via.

Quando si udiva passare per il paese era inevitabile che succedesse una disgrazia. Si portava via qualche persona importante, solitamente un giovane, una madre o un padre ancora in età giovanile creando gravi problemi nella famiglia.

La presenza di questi personaggi mitici induceva i più coraggiosi, spesso giovani, ad esibirsi in forme di balentia (valorosità), convinti si trattasse solo di credenze popolari e quindi frutto di fantasie.

Si narra di un giovane, noto per il suo coraggio, il quale una notte sentì passare Su Tragacorgios e per dimostrare a tutti il proprio coraggio pensò di affrontarlo.
Quando il rumore superò la sua casa decise di seguirlo. Il giovane cercò di trattenerlo aggrappandosi alle corna attaccate alle pelli trascinate dall’essere. Tuttavia, ciò che vide non poté mai raccontarlo a nessuno; all’alba fu trovato morto poco lontano dalla sua casa.

Come ci si difendeva

Per allontanare dal paese le anime malvagie, colpevoli di seminare lutti e morte, veniva celebrata sa miss’ e s’arretiru (messa del ritiro). Una messa officiata da sette sacerdoti (per questo detta anche sa missa de sette preides), i quali potevano essere anche di numero inferiore (se il fenomeno era di entità meno grave), purché di numero dispari.

Curiosità

Tra le maschere del Carnevale di Samugheo (OR) sfila un personaggio molto simile a Su Tragacorgios.

Tragacorgios

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *