Su Coccu, amuleto sardo

Su Coccu, amuleto sardo contro il malocchio

Tra gli amuleti sardi contro il malocchio, il più diffuso è sicuramente Su Coccu. Simboleggia l’occhio buono che si contrappone a quello cattivo.
Denominato anche Pinnadellu o Pinadellu, oppure Sabegia (riconducibile al catalano adzabeja e al castigliano azabache), Cocco, Kokko, KokkuSabagiu, Pinnazellu.

Su Coccu è una pietra considerata sacra. Viene spesso incastonata nei più preziosi gioielli di famiglia e tramandata di madre in figlia. Consiste in una pietra liscia, tradizionalmente nera (onice, ossidiana, ecc.) di forma arrotondata, traforata per il passaggio del supporto che regge le due calotte laterali in lamina o filigrana d’argento. Molto spesso la pietra è sorretta da due catenelle di sospensione.

In Gallura non è raro trovare il Coccu con pietra di corallo rosso.
In diverse collezioni pubbliche e private si trovano anche in legno, marmo, ambra, ma anche in pasta di vetro, tipo murrine, detti froridos (ornati).

Nelle credenze popolari viene utilizzato contro il malocchio soprattutto dai bambini, ai quali viene fatto indossare al polso associato ad un nastro verde o appuntato nelle culle dei neonati.

Il Coccu non si acquista per se stessi, ma viene donato alla persona da proteggere dal malocchio. Spesso sono i padrini a donare un gioiello-amuleto al loro figlioccio. Veniva donato anche quando una famiglia rischiava di estinguersi, per mancanza di discendenti diretti.

Oggi la produzione artigianale offre diversi modelli di gioiello contenenti Su Coccu. Da indossare per la bellezza dell’oggetto, ma anche come portafortuna.

Su Coccu

Vedi anche

Condividi